Mese: agosto 2014

Capolavoro a cielo aperto in cerca d’autore

Campo da basket in riva al mare

Forse bisognerebbe dar retta a Predrag Matvejevic, moderno cantore e classificatore del Mare Nostrum, che nel suo “Breviario Mediterraneo” invita ad astenersi dal descrivere luci e colori che parlano già da sé. “Le albe e i crepuscoli sono stati paragonati ad ogni sorta di fenomeni. E’ la ragione per cui non oso parlarne. Meglio di chiunque altro le conoscono i pescatori e i marinai, che hanno maggior titolo di farlo: allo spuntar dell’alba il mare e il cielo sono dello stesso colore, tanto è difficile distinguerli uno dall’altro”. Continua a leggere

Se una sera d’estate un camminatore

IMG_1591

Non posso farci niente se le ore più belle per me sono quelle al calar della sera. Il rumore delle serrande dei negozi che si abbassano. Le commesse che inforcano le biciclette. I camerieri che asciugano gli ultimi bicchieri seguendo con sguardo distratto i pochi passanti. Qualcuno fuma seduto su uno sgabello fuori da un bar, mentre il tram sferza la rotaia e riparte.

Quasi nessuno cammina a quell’ora in città. Al più la gente si sposta o rientra. Eppure è istruttivo attraversare quella terra di mezzo durante la quale tutti stanno facendo qualcos’altro, come spogliarsi, amare, lavarsi, cucinare, litigare, mangiare, distendersi. Attraversando d’estate la città, in questo tempo sospeso, si scoprono cose che diresti mai. Continua a leggere