Perigord

Nel Perigord, dove anche i canestri stanno sotto il livello del cielo

La Roque Gageac

 

Questo posto ha una particolarità. Non ti accorgi di arrivarci. E nemmeno una volta arrivato, capisci bene dove sei. Sceso dai comprensibili declivi di Figeac e lasciatoti alle spalle le pendici del Massiccio Centrale, ti intrufoli tra i muretti a secco delle fattorie, ti infili tra gli ulivi e le anatre. Attraversi il Perigord e hai l’impressione che da un momento all’altro entrerai in casa di qualcuno e che ti dovrai girare nel piazzale dopo aver elemosinato qualche indicazione.

Prosegui e credi che più giù di così non si possa andare. E invece, il castello che vedi lì vicino, di fronte a te, non è disteso ma arrampicato. Sta su uno sperone di roccia (cosa ci fa della roccia lì, se intorno non c’è che verde?). E non puoi mica raggiungerlo con due salti, prima devi scendere un ripido canyon in miniatura. Continua a leggere