pietra d’Istria

Capolavoro a cielo aperto in cerca d’autore

Campo da basket in riva al mare

Forse bisognerebbe dar retta a Predrag Matvejevic, moderno cantore e classificatore del Mare Nostrum, che nel suo “Breviario Mediterraneo” invita ad astenersi dal descrivere luci e colori che parlano già da sé. “Le albe e i crepuscoli sono stati paragonati ad ogni sorta di fenomeni. E’ la ragione per cui non oso parlarne. Meglio di chiunque altro le conoscono i pescatori e i marinai, che hanno maggior titolo di farlo: allo spuntar dell’alba il mare e il cielo sono dello stesso colore, tanto è difficile distinguerli uno dall’altro”. Continua a leggere