Pompei

Come in una Pompei moderna, la lenta rovina di un campo di periferia

catene

 

Non lo noti. Come il tempo che scorre. Come l’aria che inspiri. Con gli anni si è fatto assorbire dal contesto, fino a sparire. Se ne sta immobile e immutabile, senza dare motivi di disturbo. Puoi passarci davanti anche centinaia di volte e non lo scorgerai mai. È un perfetto fenomeno di mimetismo urbano.

Come possa accadere che uno spazio di ventotto metri per quindici, presidiato da due strutture alte perlomeno quattro metri ciascuna, si annulli senza sparire, ha più a che vedere con l’occhio di chi guarda che non con l’oggetto su cui lo sguardo si posa. Continua a leggere

Annunci